COVID-19 Notice: WE ARE OPEN AND OPERATING NORMALLY
Beta Analytic, as a laboratory, is considered an essential business under Florida's statewide Stay-at-Home Order. Taking the necessary measures to maintain employees' safety, we continue to operate and accept samples for analysis. Please contact us BEFORE sending your samples so we can recommend you the best way to proceed.

Analisi al carbonio-14: uno strumento per individuare i prodotti contraffatti

I livelli di radiocarbonio (carbonio-14) di un materiale possono essere sfruttati per verificare la sua autenticità. Come provato da numerosi studi, l’analisi al carbonio-14 può essere utilizzata per distinguere i prodotti naturali dai loro equivalenti derivati dal petrolio, ad esempio la vanillina derivata dai baccelli di vaniglia, gli oli essenziali come l’olio di cannella e l’olio di mandorla amara, la caffeina derivata dal caffè o dal the, l’acido acetico, l’acido citrico, la curcumina (estratta dalla curcuma), gli oli alimentari come quelli di oliva, di sesamo, di mais o di colza e lo squalene.

L’impiego dell’analisi al carbonio-14 per stabilire l’origine, sintetica o naturale, dei prodotti di consumo non è una novità. È un metodo utile e accurato che viene utilizzato da decenni. Tuttavia, i termini dpm/g (disintegrazioni per minuto per grammo) o età radiocarbonica, ormai obsoleti, sono stati sostituiti da terminologia più chiara, facilmente utilizzabile sul mercato e comprensibile sia per gli enti normativi sia per i consumatori.

Nel 2011, la U.S. Pharmacopeial Convention ha aggiunto l’analisi del carbonio biobased al suo Food Chemicals Codex, come metodo per la verifica dell’autenticità degli ingredienti naturali di alimenti e integratori.

In che modo il carbonio-14 identifica le sostanze derivate dal petrolio?

I metodi standard come ASTM D6866 e ISO 16620-2 rilevano la presenza di sostanze sintetiche nei materiali attraverso l’analisi al carbonio-14. I materiali derivati da fonti naturali hanno livelli di radiocarbonio conosciuti. I prodotti che contengono sostanze di origine petrolchimica presentano livelli di radiocarbonio significativamente inferiori. Molti degli additivi artificiali presenti negli alimenti, nelle bevande, nei medicinali e nei cosmetici derivano dal petrolio e non contengono perciò alcuna traccia di radiocarbonio.

Ad esempio, un Prodotto A completamente derivato da fonti rinnovabili (estratti vegetali) sarà 100% biobased/naturale secondo lo standard ISO 16620-2. Per un prodotto composto da una miscela di estratti naturali e composti chimici sintetici, il test restituirà un valore di carbonio naturale compreso tra 0% e 100%.

L’analisi al carbonio-14 distingue il contenuto naturale, ovvero derivato da materiale recente come le piante, dal contenuto fossile. Il test non può distinguere i diversi ingredienti presenti, ma identifica l’origine, naturale o sintetica, del carbonio.

Analisi di alta qualità per la verifica dell’autenticità dei prodotti naturali

Beta Analytic è un laboratorio di analisi certificato ISO/IEC 17025:2005 e fornisce servizi di analisi al radiocarbonio per determinare il contenuto percentuale naturale, in rapporto a quello sintetico, di aromi, additivi, coloranti, fragranze, cosmetici, integratori alimentari e altri componenti chimici di alimenti, medicinali e bevande.

Il laboratorio riporta i componenti naturali di un prodotto, in rapporto a quelli sintetici, in conformità a standard internazionali come ASTM D6866 e ISO 16620-2. Entrambi gli standard sfruttano l’analisi al carbonio-14 per misurare la percentuale esatta di carbonio derivato da fonti rinnovabili (o biomassa).